VIAGGI - PROPOSTE DEI SOCI

EVENTI - APPUNTAMENTI

EDITORIALI - testi

Benvenuti su: ArgonautiExplorers.it 2017

   NEW !  la  rivista AE n° 22 del 2015  cliccando sull'immagine della copertina -    Il n° 23   sarà disponibile prossimamente!     Questo è il sito ufficiale dell'Associazione Culturale di Viaggiatori - ARGONAUTI EXPLORERS. www.argonautiexplorers.it viene via via arricchito con molte novità per gli amici e simpatizzanti, e con nuovi spazi informativi particolari riservati ai soci iscritti.
Quindi periodicamente sarà aggiornato e potrai trovare sempre i prossimi e futuri progetti, le iniziative culturali, le informazioni e le notizie sulle nostre attività e dei nostri collaboratori. Trovi inoltre alcuni album fotografici, l'archivio delle riviste di Argonauti Exp. dal 2002 al 2015, tutte consultabili Online . Le proposte di viaggio  dei nostri soci, sia itinerari originali in molte parti del mondo che programmi particolari di spedizioni a scopo di ricerca, documentazione fotografica, video. Alcuni avranno scopo di solidarietà o di supporto a esigenze di carattere umanitario.

NELLA SEZIONE : VIAGGI - PROPOSTE DEI SOCI, VI SONO LE PROPOSTE DEI  VIAGGI  IN PROGRAMMA PER IL 2016 disponibili a questo momento - PROSSIMAMENTE VI SARANNO AGGIORNAMENTI per il 2017, NOVITA' ED I FUORI PROGRAMMA  - QUINDI VISITACI SPESSO ED USA I FORM O I CONTATTI PER AVERE ULTERIORI INFORMAZIONI O PER SEGNALARCI LE TUE PROPOSTE.

I Viaggi di gruppo sono autogestiti in forma indipendente. Vengono promossi nell'ambito delle attività culturali e ricreative dell'Associazione Argonauti Explorers. Ai viaggi di gruppo qui proposti possono partecipare tutti coloro che si associano e che condividono e sottoscrivono i principi ed il   CODICE ETICO   di Argonauti Explorers.

ARGONAUTI EXPLORERS - DA 20 ANNI IN CAMMINO

IN PREPARAZIONE ----------------------------------------------------

ALLA SCOPERTA DEL MONDO CON ARGONAUTI EXPLORERS

ENTRA NELLA SEZIONE VIAGGI - CLICCA SUL MONDO

SIAMO TORNATI IN SUD SUDAN

 

SIAMO TORNATI IN SUD SUDAN

Dal 2004 al 2013 ci siamo recati ogni anno nel Sud Sudan appena liberato dalla feroce dominazione araba del nord per costruire con loro i progetti umanitari di cui siamo stati capaci: scuole e pozzi con l'aiuto dell'AMI,
sponsorizzazione agli studi di studenti con il contributo dei nostri soci che si sono recati in loco in quegli anni. Poi, alla fine del 2013, d'improvviso la nuova guerra: questa volta tra loro, prima politica e poi anche
tribale, come spesso accade in Africa. Abbiamo sperato e aspettato che finisse al più presto, ma il tempo passava e lo scempio cresceva: eccidi e stupri continui, la fame ovunque e mezzo milione di sfollati nei paesi vicini.
La moneta è crollata e con lei la fragile economia di quel Paese: a soli 2 anni dall'indipendenza il giovane Stato è già al collasso. Ma anche in tempi di guerra i telefoni qualche volta funzionano e i contatti coi nostri amici
non sono mai venuti meno. Così, come abbiamo potuto, abbiamo continuato a inviare il nostro piccolo ma prezioso aiuto attraverso il Kenya. La zona Toposa poi, dove operiamo, è stata finora risparmiata dalla guerra. Per questo ho
deciso di tornarci da solo in avanscoperta: nel gennaio 2017, a conclusione di un viaggio in Uganda e Kenya, il prete di Kapoeta è venuto a prendermi alla frontiera per garantire la mia sicurezza nel paese. E sono tornato a casa
sano e salvo. A Kapoeta la situazione è al momento tranquilla, ma oltre si vola e basta per continui attacchi sulle strade. Dai militari di frontiera alla gente dei villaggi, dagli amici che da 3 anni ci aspettavano al Governatore,
è stata una grande festa. Siamo piccoli, ma esserci andati per 10 anni ha sinificato molto per loro e sono nate vere amicizie. Esserci tornati poi ora, quando tutti sono scomparsi, è stato molto apprezzato. Mi è costato un autobotte
di birre, ma và bene così. I progetti sono stati rimessi in moto e ci aspettano a braccia aperte. Un grazie a tutti voi che mi avete sostenuto in questa impresa.

Roberto

 

SOLIDARIETA' : BANGLADESH

MANO TESA AL BANGLADESH  
di Oliviero Masseroli


A volte un viaggio può farti incontrare situazioni inattese. Almeno così è stato per me, quando nel non molto lontano 2006 sono partito alla volta del Bangladesh su invito di un missionario del PIME, padre Gregorio Schiavi, che avevo incontrato nell'anno precedente, durante una sua visita in Italia Era per me una bella occasione per visitare questo lontano paese di cui si conosce ben poco. Raccolto l'invito non rimaneva che fissare il periodo del viaggio, viaggio che si sarebbe realizzato un anno dopo. Un anno che mi ha messo in gioco nel raccogliere aiuti per quella realtà a me sconosciuta. Una realtà che mi avrebbe ospitato e a cui volevo essere di aiuto. E' nata così l'idea di dare un nome a questo progetto……

Nasce così Mano Tesa al Bangladesh……..

leggi l'articolo sul Magazine Argonauti Explorers n 19 a pag 62.